IL PRESEPE DI GRECCIO

Il santuario di Greccio è addossato su un costone di roccia a un’altitudine di circa 700 metri, in mezzo a una folta vegetazione. Nel 1223 la notte di Natale san Francesco all’interno di una grotta per la prima volta e con personaggi viventi la scena della Natività. Ma l’arrivo del Santo a Greggio risale però al 1209 e secondo la tradizione scelse questo luogo chiedendo ad un bambino di lanciare un tizzone che si fermò sulla parete di una roccia nella proprietà del Velita, un feudatario, che spinse Francesco a rievocare la nascita di Gesù, inventando così il presepe.  La zona era danneggiata dalla grandine che danneggiava i campi e dai lupi che minacciavano l’incolumità delle persone, dall’arrivo del Santo, che si costruì una semplice capanna sul Monte Lacerone, ogni calamità cessò.

800px-Un_angolo_del_santuario_a_greccio

Nel punto in cui Francesco ha messo in scena la rievocazione della natività, nel 1228, è stata edificata la Cappella del Presepio. Da un corridoio si raggiungono i luoghi nei quali il Santo ha vissuto insieme ai primi frati: il refettorio, il dormitorio e in fondo la celletta in cui è custodita la roccia dove San Francesco riposava e si narra che una notte non dormì poiché segui il consiglio del Velita usando un cuscino di piume invece della solita lastra di pietra.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il santuario, in provincia di Rieti, è insieme a Poggio Bustone, Fontecolombo e La Foresta, uno dei quattro santuari Francescani della Valle Reatina, detta anche Valle Santa, una pianura dalla forma quasi circolare che facendo da anfiteatro naturale, disegna se congiunti assieme i luoghi, una  croce mistica nella campagna. In origine la Valle era occupata dal lago Velino, ma nel III secolo a.C. i romani hanno bonificato l’intera aerea  e oggi rimane la riserva naturale dei laghi Lungo e Ripasottile.

Tra monti ricoperti da boschi secolari di querce, faggi e castagni e acque purissime, è nato il presepio più famoso del mondo: Greggio.

Annunci

Informazioni su sentierofrancescano

Rivista scientifica su tematiche e percorsi francescani della zona Umbria-Marche, ma non solo. www.sentierofrancescano.it
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...